Come scegliere il piano per la tua cucina!

Laminato, legno, acciaio, okite o quarzo? Per completare la cucina fondamentale importanza è la scelta del piano di lavoro! Non solo per un fattore estetico ma  per la sua funzionalità. Ma come sceglierlo? Quali sono le caratteristiche? Ecco di seguito un breve riassunto 🙂 
http://www.arredissima.com/cucine/

  • LAMINATO/NOBILITATO 
    Si tratta di pannelli di truciolare o mdf (fibra di legno a media densità), rivestiti da fogli sottili pressati e rivestiti di resina. Il laminato è il piano per la cucina più economico. Esistono diversi tipi, grazie alla loro capacità di imitare i vari materiali, con diverse fasce di prezzo e può dar l’effetto del legno, della pietra, e può essere di tantissimi colori. Un’altro vantaggio del laminato è la resistenza ai graffi ed abrasioni, ma non al calore. Infatti si tratta di un materiale molto sensibile al calore.
  • LEGNO MASSELLO:Per chi ama gli ambienti caldi ed accoglienti, il legno massello è l’ideale. Purtroppo si tratta di un materiale in realtà poco pratico e molto costoso. Infatti, se da una parte si tratta di un materiale naturale, dall’altra è l’habitat ideale per i batteri, anche se trattato, in quanto è un materiale molto poroso. Inoltre è facilmente graffiabile, sensibile all’umidità ed al calore.
  • ACCIAIO INOX:Ha sicuramente un aspetto più “freddo” rispetto agli altri piani da cucina, ma è per il suo aspetto minimal che attualmente è molto di moda. Risulta inoltre il piano da cucina più igienico (pensate alle cucine dei ristoranti) in quanto è facilmente lavabile, resistente al calore, e grazie alle saldature, evita il proliferare dei batteri. Uno svantaggio può essere rappresentato dalla sensibilità ai graffi e nella scelta attenta dei prodotti per la pulizia. Se non vengono usati prodotti appositi si formano facilmente aloni.
  • QUARZO (agglomerati):Composti all’incirca dal 95% di quarzo e per la parte restante di resine, sono piani resistenti e durevoli. La composizione offre innumerevoli vantaggi in quanto fa si che la superficie non sia porosa e quindi resistente alle macchie, ai vari agenti chimici, alle abrasione e graffi. Garantisce inoltre uniformità e stabilità di colore. Purtroppo non si tratta di un piano molto economico.
  • OKITE: L’okite è un marchio brevettato. Si tratta di un materiale composto circa da 90% di quarzo e dal 10% di resine. Questa composizione offre innumerevoli vantaggi, quali la resistenza ai graffi, abrasioni, calore. E’ impermeabile quindi resistente anche alle macchie e facilmente lavabile. Inoltre è disponibile in una vastissima gamma di colori e finiture, quali ad esempio l’effetto legno o pietra.
  • MARMO o GRANITOMolto utilizzati e molto costosi entrambi, vengono scelti per un fattore estetico più che per praticità. Infatti, si tratta di piani molto porosi, quindi poco resistenti alle macchie, e facilmente attaccati dai liquidi che contengono acidi (coca cola, limone, caffè). Anche per la pulizia bisogna prestare maggior attenzione. 
  • CEMENTO:Materiale attualmente di tendenza, non si tratta del cemento utilizzato l’edilizia, ma bensì di una nuovo composito, più leggero e superfici lisce. Si tratta di un piano resistente ad urti, macchie, graffi ed anche all’umidità e calore e facilmente lavabile.
  • CORIAN:  Materiale di nuova generazione, molto pratico, versatile, ma anche molto costoso. è un materiale molto flessibile e può essere prodotto in qualsiasi forma, grazie alla sua flessibilità. é un piano liscio, senza fessure in quanto viene “saldato”. 
Ecco la tabella riassuntiva dei piani cucina!


Come scegliere il tavolino giusto per il soggiorno

Nell’arredamento la scelta di ogni singolo elemento è importante perché contribuisce a conferire all’ambiente una determinata atmosfera: anche i mobili complementari, apparentemente meno

5 modi creativi per decorare la testiera del letto

La camera da letto è una delle stanze più intime e personali della casa; per questo vogliamo che ci trasmetta solo sensazioni positive